Categorie
Senza categoria

La figura professionale dell’ Ispettore Tecnico Revisione

Decreto del Ministero delle Infrastrutture e dei trasporti protocollo del 19/05/2017 n° 214

Con il Decreto del Ministero delle Infrastrutture e dei trasporti protocollo del 19/05/2017 n° 214, il legislatore ha recepito la Direttiva 2014/45/UE del Parlamento Europeo e del Consiglio del 3 aprile 2014 relativa ai controlli tecnici periodici dei veicoli a motore e dei loro rimorchi e che abroga la Direttiva 2009/40/CE.

Tale Decreto ha previsto la creazione della nuova figura professionale dell’Ispettore inserita nell’Art. 13 comma 1:” I controlli tecnici eseguiti presso centri di controllo privati sono effettuati da ispettori autorizzati che soddisfano i requisiti minimi di competenza e formazione”.

I nuovi requisiti sono stati previsti nell’accordo del 2019 tra Governo, Regioni e Province autonome di Trento e Bolzano.

Accordo tra Governo, Regioni e Province autonome di Trento e Bolzano sullo standard professionale siglato in data 17 Aprile 2019 n° 65/CSR

In data 17 Aprile 2019 è stato creato l’Accordo Stato Regione sullo standard professionale a livello nazionale che permette l’erogazione delle Regioni dei corsi di formazione per i nuovi Ispettori.

Ecco i punti principali:

– I corsi devono essere divisi in due moduli: Modulo A teorico della durata di 120 ore e Modulo B teorico pratico della durata di 176 ore.

– La formazione dovrà essere effettuata solo in modalità AULA. Non è quindi permessa la modalità online.

– La massima percentuale di assenza è del 20%

– Non è permesso l’utilizzo del sistema di riconoscimento dei crediti.

Requisiti di accesso

– essere in possesso di uno dei seguenti titoli di studio:

a) Diploma di liceo scientifico

b) Diplomi quinquennali rilasciati da istituti tecnici, settore tecnologico (incluso Geometra).

c) Laurea Triennale in ingegneria meccanica

d) Laurea in ingegneria del vecchio ordinamento o laurea magistrale in ingegneria

e) Diplomi quinquennali di maturità rilasciati dagli Istituti Professionali di Stato del settore Industria/artigianato indirizzo Manutenzione assistenza tecnica

f) Diplomi quadriennali di Istruzione e formazione professionale di cui all’Accordo in Conferenza-Stato-Regioni del 27 Luglio 2011 di Tecnico riparatore di veicoli a motore

g) Altri titoli dichiarati equipollenti nei modi di Legge.

– Esperienza professionale di Tirocinio o lavoro o ricerca, anche in combinazione tra loro, svolti presso:

a) Officine di autoriparazione di cui alla Legge 5 Febbraio 1992, n° 122

b) Centri di controllo

c) Aziende costruttrici di veicoli o loro impianti;

d) Università o Istituti Scolastici Superiori.

Tale durata è di 6 mesi per i laureati e 3 anni per i diplomati.

Erogazione corsi

I corsi di formazione per essere riconosciuti devono essere erogati da soggetti accreditati e specificamente autorizzati in base alle disposizioni adottate da ciascuna Regione e Province Autonome di Trento e Bolzano.

Corsi previsti dalla normativa

Modulo A Teorico: durata 120 ore.

– Modulo A1: Tecnologia dei veicoli circolanti (54 ore)

– Modulo A2: Materiali e propulsione dei veicoli (26 ore)

– Modulo A3: Caratteristiche accessorie dei veicoli (40 ore)

– Esame finale con rilascio di Attestato di frequenza con profitto propedeutico all’accesso al modulo B.

Modulo B Teorico-pratico: durata 176 ore.

– Modulo B1: Tecnologia automobilistica (74 ore)

– Modulo B2: Metodi di Prova (70 ore)

– Modulo B3: Procedure amministrative (32 ore)

– Esame finale con rilascio di Attestato di frequenza con profitto.

Concluso il processo di formazione, il candidato ispettore deve presentare alla competente motorizzazione la domanda di accesso al relativo esame di abilitazione.

Altre informazioni

Il Decreto del Ministero delle Infrastrutture e dei trasporti protocollo del 19/05/2017 n° 214 apre anche ai centri di revisione privati la possibilità di poter effettuare la revisione ai mezzi di portata superiore ai 35 ql. tramite un apposito corso di formazione della durata di 50 ore.

Gli ispettori già autorizzati o abilitati alla data del 20 maggio 2018 sono esentati dal possesso dei nuovi requisiti, ma dovranno effettuare dei corsi di aggiornamento con cadenza triennale della durata minima di 20 ore. Per l’erogazione di tali corsi siamo in attesa di ulteriori indicazioni da parte del Ministero sulle dimensioni dei locali e sull’omologazione delle attrezzature.

Per tutte le informazioni su come diventare ISPETTORE TECNICO REVISIONI:

Nuovaformazione, Via Giovanni Pisano 17, Perugia.

Tel: 0759696671

www.nuovaformazione.it

info@nuovaformazione.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *